mercoledì 12 febbraio 2014

Come affrontare una separazione?

Ho bisogni di aiuto su come affrontare la separazione da mio marito


Gentile Dottoressa, 
sono Anna (nome di fantasia), sposata da 11 anni e ho due figli, un bambino di 10 anni e uno di 6. Ho problemi con mio marito da diversi anni e abbiamo deciso di comune accordo di separarci. In casa cerchiamo di non litigare, soprattutto per non far vedere ai bambini che le cose non vanno bene, ma ormai abbiamo deciso che è il momento di terminare questo matrimonio che fa soffrire entrambi. Non so se i bambini si sono accorti delle tensioni tra me e mio marito, ma lui pensa che dovremmo aspettare ancora un pò prima di dirgli che ci separiamo. Io penso che per la serenità dei nostri figli sia giusto aspettare, ma poi penso che non sia giusto fare finta che tutto vada bene. Sono confusa e ho paura di fare degli sbagli e soprattutto di far soffrire i bambini. Secondo lei qual è la cosa migliore da fare?



_____________________________________________________________________________
Risposta: 

Cara Anna, immagino che questo periodo sia molto difficile per lei e suo marito, la separazione sicuramente è uno degli eventi più traumatici nella vita di una famiglia, se vissuta in modo conflittuale. La separazione è un momento psicologico molto complesso, richiede la presa di una decisione molto difficile che inevitabilmente modifica le relazioni nella famiglia. Come genitori è bene porsi delle domande, e finora vi siete comportati nel migliore dei modi evitando di coinvolgere i bambini nei vostri conflitti di coppia. Credo però che non ci sia un'età giusta per poter comunicare la vostra decisione, ma è importante che riusciate come genitori, a rimanere uniti e a trasmettere serenità ai bambini. Se aspettate ancora potreste incorrere in alcuni problemi e rendere la situazione più complessa: prima di tutto voi genitori avete il diritto di essere onesti con voi stessi e poter essere liberi di vivere le vostre vite separatamente, senza dimenticare e trascurare i vostri compiti genitoriali. In secondo luogo è necessario anche essere onesti con i vostri figli, comunicare apertamente una decisione che li riguarda, fornire risposte chiare. Cercate di vedere questa separazione non in termini traumatici, nè per voi nè per i bambini, ma come una fase di cambiamento.  Ogni cambiamento prevede una fase in cui si ha paura per il futuro, ma è importante mostrare ai vostri figli che le difficoltà si possono gestire e che entrambi sarete sempre presenti per loro. Potreste cominciare a parlarne apertamente dicendo che mamma e papà vivono delle difficoltà e che stanno cercando di trovare la soluzione migliore per andare d'accordo. Siccome i bambini sono ancora piccoli vi suggerisco di fare le cose gradualmente, di ritagliarvi comunque dei momenti da passare tutti insieme, facendo delle uscite, delle piccole gite. Raccomando comunque a lei e suo marito di agire sempre nel rispetto reciproco, come avete fatto finora, non coinvolgendo i bambini nelle vostre discussioni, e di rimanere sempre coesi nelle scelte educative dei vostri figli anche nel momento della separazione. 
Un caro saluto, Dott.ssa Schiazza

_______________________________________________________

Nessun commento:

Posta un commento