martedì 5 aprile 2016

Ansia da esame: come gestirla in modo efficace

 
L’ansia da esame è una sensazione che qualunque studente ha provato nella sua carriera scolastica e/o universitaria. La cosa peggiore dell’ansia da esame è quella sensazione di paura e terrore che sembra annebbiare il cervello. Ma ci sono dei modi per imparare a gestire l’ansia da esame, cercando di ottenere buoni risultati, vediamoli insieme.
 
  • Cerca di arrivare preparato: il modo migliore per gestire l’ansia da esame, sembra banale, ma è quello di arrivare preparati, in modo da diminuire il senso di inadeguatezza. Sentirti impreparato porta ad aumentare l’ansia. Se pensi di non aver letto tutto, non aver ripetuto abbastanza, non aver ripassato, sicuramente questa sensazione negativa ti accompagnerà anche nel giorno dell’esame e ti aumenterà l’ansia.
  • Organizza lo studio: molte persone non si organizzano e arrivano con l’acqua alla gola. Questo sicuramente non è il modo migliore per affrontare una prova se soffri di ansia da esame. Per questo è importante organizzare per bene lo studio, un mese/mese e mezzo prima della data di esame. In base alla mia esperienza personale e come psicologa, ti suggerisco di preparare un bel calendario con tutti i giorni del mese che precede la data di esame, rivedere tutti i capitoli del libro e la loro lunghezza e dividere gli argomenti in base ai giorni. Per leggere un capitolo di 15-20 pagine e comprendere quello che c’è scritto ci vorrà una mattinata, quindi cerca di organizzare un calendario realistico, tenendo conto delle tue reali capacità. Se sei più lento e ti piace approfondire e leggere diverse volte, considera che avrai bisogno di più tempo per preparare l’esame.
  • Trova il tempo per distrarti: la distrazione è un elemento fondamentale per gestire tutta la fase di studio. Cerca di lasciarti un pomeriggio a settimana, o ancora meglio, qualche ora al giorno per distrarti, uscire un po’, fare una passeggiata, vedere altre persone. Andando ancora più nello specifico, trova dei momenti di distrazione durante lo studio: l’attenzione di ogni essere umano è variabile, ma scende dopo 30-40 minuti. E’ inutile stare davanti al libro con la testa china e pensare ad altro. Conviene piuttosto distrarsi 5 o 10 minuti ogni 40 minuti di studio e lettura. Psicologicamente è un utile modo anche per darsi dei piccoli obiettivi: ” Devo finire di leggere questi due paragrafi e poi faccio una pausa”. Questo pensiero sarà anche motivante e di grande aiuto.
  • Impara una tecnica di rilassamento: se l’ansia da esame rappresenta un problema molto grande, allora bisogna utilizzare una tecnica di rilassamento per diminuire i livelli di ansia. Puoi imparare il training autogeno, oppure una tecnica di respirazione, come quella profonda o diaframmatica, che ti consentirà di gestire i sintomi dell’ansia da esame, in qualunque luogo senza che nessuno se ne accorga. L’ansia da esame spesso provoca tachicardia che rende difficile rimanere nell’aula. Questo aumento dei battiti cardiaci può essere combattuto efficacemente con l’aiuto della respirazione diaframmatica, respirando con calma e immaginando il respiro come un flusso che entra e lentamente esce dal proprio corpo. Questo ti permetterà di riprendere contatto con il tuo corpo e la tua mente riuscirà a tranquillizzarsi.
Se l'ansia da esame diventa un problema che ti impedisce di affrontare ogni prova, che ti blocca e fa sentire inadeguato, allora potrebbe essere l'espressione di un disturbo d'ansia che va curato attraverso un percorso di Psicoterapia. I disturbi d'ansia attualmente sono molto diffusi, soprattutto tra le persone giovani, probabilmente amplificato dal tempo storico in cui stiamo vivendo. Ma il disturbo d'ansia rappresenta una risorsa, una modalità con cui il corpo e la mente comunicano un problema che se affrontato nell'immediato può essere totalmente risolto.
 
Per informazioni o appuntamenti:
Tel. 340.0072355
 
Dott.ssa Roberta Schiazza
Psicologa e Psicoterapeuta, esperta nella cura dei disturbi d'ansia e nei problemi di relazione, esperta nell'uso di tecniche di rilassamento psicofisico.

Nessun commento:

Posta un commento